3355999702 ilgreto@alice.it

Incontri sul Serio

rassegne

Questi argonauti di eventi, di interpreti della realtà, dell’attualità, che propongono semplicemente dei nodi di riflessioni e dialoghi sono una fragile cosa nell’universo e hanno bisogno di voi, della vostra forza e della vostra presenza.

Dal 2008 ad oggi

LA  STORIA SIAMO NOI

2023 – 2024

Quanta Vita c'è

E si deve

cominicare da noi stessi
ogni giorno, da capo

Etty Illesum

Carissimi amici,

Siamo entusiasti di darvi il benvenuto a questo ciclo di incontri straordinari che abbiamo preparato per voi. In un’epoca in cui il mondo sembra diventare sempre più complesso e frenetico, abbiamo deciso di dedicare questo ciclo di eventi a un tema che ci unisce tutti: la comune e straordinaria dimensione umana.

Incontri con artisti, esploratori, esperti e pensatori, che ci porteranno in viaggi emozionanti attraverso le favole incantate, le epiche avventure polari e le profonde riflessioni sulla natura umana. Un’occasione per esplorare insieme la nostra relazione con la natura, il clima, e il nostro ambiente circostante.

Ci troveremo in compagnia di cantautori che ci incanteranno con le loro melodie, condivideremo l’eroismo di esploratori che hanno sfidato il freddo e il ghiaccio dei poli, e ascolteremo gli avvertimenti dei meteorologi sulle sfide climatiche che affrontiamo.

Scopriremo come vivere in sintonia con l’ambiente e ridurre gli sprechi per un futuro sostenibile. Inoltre, approfondiremo il significato della nostra umanità, esplorando vizi e virtù che caratterizzano la nostra esperienza di vita quotidiana.

Questi eventi non sono solo una serie di incontri, ma un’opportunità per noi tutti di riflettere sul nostro ruolo nel mondo, di crescere come individui e di ispirarci reciprocamente. Ognuno di questi incontri ha il potere di spingerci a considerare il nostro impatto sul pianeta e come possiamo fare la differenza per un futuro migliore.

Siamo grati per la vostra partecipazione e vi incoraggiamo a unirvi a noi in questo viaggio di scoperta, ispirazione e consapevolezza. Che questi eventi ci ricordino che siamo tutti collegati in questa straordinaria avventura chiamata vita, e insieme possiamo fare la differenza.

2022 – 2023

L’anno che verrà

Io mi sto preparando
è questa la novità

Lucio Dalla

Benvenuti a “Incontri sul Serio,” una serie di eventi culturali emozionanti che ci attendono nel periodo da ottobre 2022 a giugno 2023 a Seriate, organizzati dall’Associazione “Il Greto di Seriate.” Preparatevi ad essere affascinati, ispirati e intrattenuti da una selezione di conferenze, spettacoli teatrali e musicali che vi lasceranno senza fiato!
Mercoledì 4 Novembre 2022 – Teatro Aurora Seriate FRONTE UCRAINA – Incontro con Francesco Battistini Siete pronti a esplorare una terra lontana e ricca di storia? In questo evento imperdibile, ci incontreremo con Francesco Battistini, corrispondente del Corriere della Sera in Ucraina, che ci guiderà in un viaggio affascinante attraverso la situazione politica e sociale di questa affascinante nazione.
Venerdì 13 Gennaio 2023 – Teatro Gavazzeni Seriate EMOZIONI IN MUSICA – Spettacolo Musicale Lasciatevi travolgere dalle note magiche di Angiolino Pedrini, Francesco Assolari, Mario Seghezzi e Raffaella Zorza. Questi talentuosi musicisti ci regaleranno una serata indimenticabile di pura emozione e melodia, con un mix di generi musicali che ci faranno battere il cuore a tempo di musica.
Giovedì 16 Febbraio 2023 – Teatro Aurora Seriate SEMI DI LEGALITÀ – Incontro con Dr. Paolo Storari . In questo incontro ispiratore, il rinomato magistrato Dr. Paolo Storari ci farà riflettere sulla fondamentale importanza della legalità nella nostra società. Attraverso le sue esperienze, ci inviterà a comprendere meglio il ruolo cruciale della magistratura e l’impegno costante per la giustizia.
Sabato 25 Marzo 2023 – Teatro Aurora Seriate COME TI SALVO IL PIANETA – Incontro spettacolo con Marco Cortesi e Mara Moschini . Il nostro pianeta ha bisogno del nostro aiuto, e questo evento ci mostrerà come ognuno di noi possa fare la differenza. Marco Cortesi e Mara Moschini ci presenteranno idee innovative e soluzioni pratiche per affrontare le sfide ambientali e costruire un futuro sostenibile per le generazioni a venire.
Giugno 2023 – Teatro Aurora Seriate LA STANZA DI PROSPERO – Spettacolo Teatrale Regia di Silvia Barbieri . Concluderemo l’anno con una magnifica rappresentazione teatrale, “La Stanza di Prospero,” diretta da Silvia Barbieri. Questa affascinante performance ci trasporterà in un mondo di magia, intrighi e avventura, dove la maestria degli attori ci rapirà e ci lascerà incantati fino all’ultima parola pronunciata.
Un’emozionante selezione di eventi ci attende in questo straordinario ciclo di “Incontri sul Serio.” Non perdete l’opportunità di partecipare a queste esperienze culturali uniche, dove impareremo, ci divertiremo e ci lasceremo ispirare. Vi aspettiamo numerosi per vivere insieme “L’Anno che Verrà” a Seriate!

2021 – 2022

Storie senza tempo

Non puoi tornare indietro e
cambiare l’inizio, ma puoi
iniziare da dove sei e tentare
di cambiare il finale

Nel caleidoscopio della vita, alcune storie si trasformano in gemme preziose, brillando attraverso le ere con un riflesso inalterato. Questo il tema di qust’anno: sono le “storie senza tempo”, narrazioni intramontabili che attraversano generazioni e culture, offrendo rifugio e ispirazione a coloro che vi si immergono. Esse sono testimoni della condizione umana, custodi di emozioni universali e verità profonde che sfidano il susseguirsi degli anni.
Le “storie senza tempo” ci parlano di amori e perdite, di sfide e trionfi, di desideri e rimpianti che attraversano il tessuto dell’esistenza umana. Sono racconti che non si lasciano sfuggire alle pagine del tempo, ma che si alzano sopra di esse, intrappolando un momento eterno di verità e bellezza.
Attraverso le “storie senza tempo”, ci connettiamo con chi è venuto prima di noi e con coloro che verranno dopo. Esse creano un ponte tra passato, presente e futuro, rivelando che le esperienze umane sono intrecciate da fili invisibili che attraversano le ere. Nel momento in cui ci immergiamo in queste storie, ci ritroviamo parte di un continuum, testimoni di una vasta trama di vita umana che non conosce limiti temporali.
Le “storie senza tempo” ci sfidano a riflettere sul nostro ruolo nella vastità dell’universo, a considerare come le emozioni e le sfide umane attraversino l’arco del tempo, rimanendo intatte nel loro impatto. Sono un richiamo a scrutare oltre il velo della nostra epoca e a comprendere che ciò che ci unisce agli esseri umani di ieri e di domani è molto più profondo di ciò che ci divide.
In questa esplorazione delle “storie senza tempo”, ci imbattiamo in un tesoro nascosto di saggezza e bellezza che continua a risuonare attraverso i secoli. Sono le storie che, nonostante le mutevoli correnti del tempo, mantengono il loro fascino intatto, come costellazioni luminose che guidano il nostro viaggio attraverso l’infinito cielo dell’umanità.

2020 – 2021

Pausa Covid

Nel silenzio improvviso che ha avvolto il mondo, come un attore che improvvisamente smette di recitare nel mezzo di una rappresentazione, anche l’Associazione “Il Greto” si è trovata di fronte a una pausa imprevista. Non un intervallo calcolato e ponderato, ma una pausa inattesa, imposta dal destino e scolpita nei segni invisibili di un virus implacabile.
Il Teatro Aurora Seriate, un tempo animato dalle risate, dagli applausi e dalle luci calde dello spettacolo, ha ceduto il passo a un silenzio vuoto eppure denso. Le poltrone una volta occupate da un pubblico affamato di narrazioni, dialoghi e riflessioni, ora sono rimaste deserte, testimoni mute dell’assenza forzata.
Le iniziative culturali, quei fili intrecciati di pensieri e emozioni, sono state sospese nel vuoto temporale, come un libro lasciato a metà, con le pagine che non possono essere voltate fino a nuovo avviso. E mentre il mondo cercava di trovare il proprio equilibrio in un vortice di incertezze, l’Associazione “Il Greto” si è ritrovata a fare i conti con la sfida di come mantenere la fiamma culturale accesa, nonostante l’oscurità che sembrava avvolgerla.
È stata una pausa che ha richiesto più di una semplice pausa. È stata una riflessione profonda, un’occasione per esplorare le radici stesse dell’arte e della cultura. L’assenza di spettacoli dal vivo ha rivelato quanto fossero preziose le connessioni umane, quell’energia scambiata tra l’artista e il pubblico, tra chi parla e chi ascolta.
Eppure, in mezzo alle sfide e alle restrizioni, “Il Greto” ha dimostrato la sua resilienza, il suo desiderio inarrestabile di continuare a tessere il tessuto della cultura. Se le luci del palco sono rimaste spente, le luci dell’ingegno e della creatività hanno continuato a brillare. Webinar, incontri virtuali, progetti innovativi hanno mostrato che l’arte e la cultura non possono essere confinate da confini fisici, che la passione per l’espressione umana può trovare vie inaspettate.
E mentre il sipario si è abbassato temporaneamente, l’Associazione “Il Greto” ha sperimentato una sorta di fermentazione, come un vino invecchiato in cantina, acquisendo profondità e sapore. Ogni istante di silenzio ha contribuito a creare uno spazio di ascolto interno, un momento di riflessione sulla vera essenza di ciò che rappresenta e cerca di comunicare.
E ora, come l’aurora che segue la notte più oscura, l’Associazione “Il Greto” si prepara a rialzare il sipario, a riaccendere le luci del palco e a risvegliare l’anima del Teatro Aurora Seriate. La pausa forzata ha rivelato una verità semplice ma potente: che la cultura, l’arte e la creatività non possono essere spezzate da un virus o da qualsiasi ostacolo. Sono la linfa vitale che scorre nelle vene della società, l’essenza stessa di ciò che ci rende umani.
E mentre la storia continua a svolgersi, l’Associazione “Il Greto” è pronta a scrivere un nuovo capitolo, a continuare il suo impegno in un mondo che ha riconosciuto più che mai quanto siano fondamentali le voci culturali e le storie che ci tengono uniti. La pausa COVID potrà essere stata una parentesi, ma ha anche insegnato che la cultura non conosce pause, è un fiume in costante movimento, una forza che non può essere domata

2019 – 2020

In un mondo che

Ciò che è giusto non è sempre popolare e ciò che è popolare non è sempre giusto.

Albert Einstein

Sulle note malinconiche di Lucio Battisti si è inaugurata la tredicesima iterazione di “Incontri sul Serio”, una sofisticata serie di avvenimenti, intellettuali e dibattiti a cura dell’Associazione Onlus “Il Greto” di Seriate. Un’ampia gamma di iniziative, sottolineando tematiche di rilevanza sociale, s’intreccerà in un intricato balletto di dialogo e dibattito, in programma per le 20.45 presso il Teatro Aurora, ubicato in via del Fabbro 5, oltre che su tutto il territorio, da autunno 2019 a primavera 2020.
Un programma, impreziosito da ospiti di risonanza, rivelerà l’arco di opportunità e contraddizioni che ci circondano, come cantava Battisti nelle sue liriche: “In un mondo che, prigioniero è… il mio canto libero…”, risuonando l’eco delle parole di Paulo Coelho: “Il mondo appartiene a coloro che osano sognare e rischiano di vivere i propri sogni.”
Dopo una serata memorabile il 3 ottobre dedicata al “Sinodo dell’Amazzonia” con la partecipazione dell’eminente Mons. Eugenio Coter, attirando una notevole affluenza di spettatori, seguiranno una serie di eventi di rilievo:
Sabato 16 novembre: Uno Spettacolo Teatrale intitolato “Il Muro”, messo in scena da Marco Cortesi e Mara Moschini. In occasione del trentesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino, il palcoscenico accoglierà un’opera teatrale di straordinaria bellezza e profondità, emblema del teatro civile.
Sabato 23 novembre: “Finardimente” propone uno show in cui la musica e le parole si fondono per celebrare il ritorno di Eugenio Finardi, accompagnato dalla chitarra di Giovanni Maggiore, noto con lo pseudonimo “Giovazza”.
Venerdì 17 gennaio: “Rimessi in Viaggio” ospiterà un incontro e dialogo con Daniele Rocchetti, Presidente Acli Bergamo, e Don Giuliano Zanchi, Direttore della Fondazione Bernareggi.
Venerdì 28 febbraio: “Crimine Infinito” offrirà un dialogo e confronto con la Dott.ssa Alessandra Dolci, Magistrato Capo Antimafia a Milano.
Sabato 7 marzo: Uno Spettacolo Teatrale denominato “Pane e Rose” introdurrà una rivolta guidata dalle donne, con Monica Morini, Bernardino Bonzani, e le vivaci musiche dal vivo di Claudia Catellani.
Venerdì 5 e sabato 6 giugno: “Riso alla Greca” verrà messo in scena dal Laboratorio teatrale “La Stanza di Prospero”, sotto la regia di Silvia Barbieri.
Domenica 7 giugno: “Camminando sulle Alture” condurrà i partecipanti in un’escursione nella località Selva D’Agnone-Valgoglio, con la partecipazione delle Associazioni S.A.S, A.N.P.I, e Gruppo Aperto, accompagnati dalla Banda della Città di Seriate.
Un programma ardito, carico di passione e fiducia, ambisce a forgiare soluzioni che possono apparire insolite, una proposta per un balzo di qualità che richiede un cambiamento di passo da parte di tutti, sottolineando il bisogno di un impegno individuale e collettivo, ma il tutto converge verso il mondo giusto che aspiriamo a creare, come echeggia la voce di Lucio Battisti… Un Mondo Libero!
L’appuntamento è aperto a chiunque voglia partecipare numeroso, come sempre.

2018 – 2019

Fuori Rotta

Non andare dove il sentiero può portare
Va invece dove non c’è sentiero
e lascia una traccia.

Questo ciclo, dal titolo “FuoriRotta” intende porre l’attenzione sul tema dell’omologazione culturale e sociale.
A partire da Ulisse, passando dal cammino di Dante per giungere alla “provvida sventura” di Renzo nei Promessi sposi, il tema del viaggio è sempre stato al centro del cammino di ogni Uomo.

A volte il viaggio è un percorso interiore e mentale dentro di noi per purificare e cambiare alcuni nostri atteggiamenti. Altre volte il coraggio ci guida nell’essere viandanti curiosi e attenti anche a quanto accade fuori dai nostri recinti.
In questi percorsi tutti noi corriamo il rischio dell’omologazione come sorta di diffusa pigrizia mentale e culturale che ci rende apparentemente tutti uguali.
Possiamo invece riconoscere storie, sapori, visi, sguardi e colori capaci di indicarci un orizzonte futuro.
Ben vengano allora viaggi “contro corrente” e “fuori rotta” che a volte portano a splendide scoperte e alla speranza di un mondo diverso.

2017 – 2018

come VENTO che ...

Mi piace la gente che sa ascoltare il vento
sulla propria pelle, sentire gli odori delle
cose, catturare l’anima. Quelli che hanno
la carne a contatto con la carne del
mondo. Perché li c’è verità, li c’è
dolcezza, li c’è sensibilità, li c’è ancora
amore.
(Alda Merini)

Il vento soffia dove vuole e ne senti la
voce, ma non sai da dove viene né dove
va: cost è chiunque è nato dallo Spirito …
(Vangelo di Giovanni)

Il vento è una forza vitale che soffia in noi ed intorno a noi.
​La voce del vento può essere gentile brezza o arrabbiata tempesta: ciascuno ne fa esperienza e ne rimane permeato dalla sua presenza. Sempre rappresenta un cambiamento ed un rinnovamento degli elementi della natura.
Attraverso i nostri eventi ed i nostri ospiti rifletteremo sul significato dei molti cambiamenti in atto e sul “soffio” che sostiene tutte le nostre azioni. Mutamenti di stato che piano piano ci trasformano e accompagnano il futuro dei nostri giorni.

2016 – 2017

Start With a Small Service

” Nessuno può gettare sopra il fiume della vita il ponte sul quale tu devi passare, nessun altro che tu solo. Certo vi sono innumerevoli sentieri e ponti che vorrebbero farti attraversare il fiume; ma solo a prezzo di te stesso”

Friedrich Nietzsche

“Sapete qual è il primo ponte da costruire?
Un ponte che possiamo realizzare qui ed ora: stringerci la mano, darci la mano.”

Papa Francesco

In occasione del decimo anniversario della fondazione de “Il Greto”, riteniamo importante riflettere sui muri e sui ponti. Come il greto del
fiume contraddistingue molte nostre città, così anche i ponti sono elemento caratteristico di un luogo attraversato dal fiume. Essere
ponti, essere capaci di relazioni vere e autentiche, saper andar oltre sè stessi, oltre le proprie paure per aprirsi al nuovo, a ciò che non si
conosce, vivere di punti di vista, di incontri, con la consapevolezza che, ad ogni incontro, ci si arricchisce e si ridisegna il mondo.
E’ quello che scopriremo attraverso i nostri eventi e i nostri preziosi ospiti.

2016

ordinariamente straordinario

“E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti,
ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fi umi,
e l’immensità dell’Oceano, ed il volgere degli astri.
e si dimenticano di se medesimi”

Sant’Agostino

Questo ciclo, dal titolo “Ordinariamente straordinario” intende porre l’attenzione sulle esperienze straordinarie che avvengono nell’ordinarietà dell’esistenza.
L’uomo immerso in una marea di messaggi mediatici spesso si rifugia nell’apparenza e nella ricerca del clamoroso.
Eppure, esiste il bisogno di vivere l’istante presente come un tutt’uno che si manifesta nelle mille circostanze della vita.
Come imparare a trasformare in straordinaria opportunità, l’ordinarietà della nostra esistenza?
È quello che scopriremo attraverso i nostri incontri e i nostri preziosi ospiti.

2015

oltre l’apparenza fra realtà e desideri

“Bisogna conoscere
l’anima delle persone
Der ammirare il volto”

Amedeo Modigliani

Questo ciclo, dal titolo “Oltre l’apparenza fra realtà e desideri” intende porre l’attenzione sull’uomo del terzo millennio.
Spesso confuso, frammentato, smarrito in balia di mille contraddizioni.
Egli sempre più spesso si rifugia nella carriera, nella cura ossessiva del corpo, nell’apparire, nei falsi idoli.
Eppure l’uomo mai come nel tempo presente avrebbe bisogno di confrontarsi e meditare sul senso del vivere quotidiano, per ritrovare una serenità e una pace a livello personale e sociale.
Come imparare a guardarsi “dietro lo specchio” delle apparenze?

2014

regalati un sorriso

“Era solo un sorriso, niente di più.
Una piccola cosa.
Una fogliolina in un bosco
che trema al battito d’ali
di un uccello spaventato”.

Il cacciatore d’aquiloni

Questo ciclo, dal titolo “Regalati un Sorriso” intende porre l’attenzione sull’importanza del sorriso nelle nostre relazioni.
Quando siamo seriosi siamo un pò bloccati e tutto diventa più difficile.
Il contributo dell’umorismo serve per liberarci dal pessimismo.
Come imparare a ridere di noi stessi e trovare aspetti umoristici nella vita quotidiana?

2013

e ti vengo a cercare

… “ciascuno di noi porta con sé
un credente e un non credente
che si interrogano a vicenda,
si parlano dentro, che rimandano
a domande pungenti
inquietanti l’un l’altro”

Card. Carlo Maria Martini

Si affronterà il tema dell’assoluto, del dialogo con sé stessi e con gli altri. Incontri sul Serio vuole essere spazio e luogo di dialogo e di ascolto per tutti coloro che si pongono delle domande sul Trascendente; una finestra sul mondo e sulla cultura contemporanea; un confronto con tutte le voci pensanti e in ricerca di un assoluto che appare ancora oggi sconosciuto.
Tre proposte di animazione, teatro, incontri e dibattiti nei luoghi più significativi del nostro vivere.

2012

orizzonti di ben essere

.. mai si è troppo giovani
o troppo vecchi
per la conoscenza della felicità.
A qualsiasi età è bello occuparsi
del ben essere dell’animo nostro .….

Epicuro

In questo ciclo di incontri si affronterà il tema dello stare bene con sè stessi e con gli altri.
Benessere, condivisione, bellezza, salute, economia, amore, sono aspirazioni a cui ciascuno tende; sembrano oggi continuamente sfuggire alla nostra esperienza. Occorre guardare oltre l’orizzonte del presente.
Quattro proposte di animazione, teatro, incontri e dibattiti nei luoghi più significativi del nostro vivere.

2011

la città che vorrei

… E una nuova città scenderà
dal cielo bella come una sposa
per la notte d’amore; non più questi termitai,
non più catene dolomitiche di grattacieli,
non più urli di sirene,
non più guardie a presiedere le porte
e non più selve di ciminiere…

P. David Maria Turoldo

Questo ciclo dal titolo “la città che vorrei”, affronterà il ruolo del territorio come spazio, memoria, dimora e profezia.
La comunità, le relazioni, le identità a confronto con la città reale ed il futuro. Sei proposte di animazione, teatro, incontri e dibattiti nei luoghi più significativi del nostro vivere.

2010

viaggio nella vita

Le nostre valigie
erano di nuovo ammucchiate
sul marciapiede;
avevamo molta strada da fare.
Ma non importava: la strada è la vita

Jack Kerouac

Si affronterà il tema della vita come uno stupendo, misterioso e affascinante percorso che accomuna gli esseri umani.
Un viaggio fatto di avventure, desiderio, paure, sogni, allontanamento da sè e dalle cose più care e nello stesso tempo un cammino dentro di noi verso nuove scoperte, conoscenze e nuovi incontri.
Un cammino in cui ciascuno porta con sè la fedeltà alle radici della terra natia e la bellezza di una conoscenza piena dell’altro. Speranza di ritorno ma anche abbandono fiducioso al mistero.
Tutti siamo “su questa nave che abbandonato il porto solca il mare della vita”.

2009

comunicazione e verità: una sfida possibile

La Verità illumina l’intelligenza
e forma la libertà dell’uomo

Papa Giovanni Paolo II, Veritatis Splendor

Questo ciclo affronterà il ruolo e l’influenza dei mezzi di comunicazione sociale nella vita delle persone e della società.
C’è ancora spazio, tra immagine e protagonismo, per la ricerca della verità?
L’informazione può ancora essere imparziale, indipendente e pluralista?

2008

corpo immagine e meraviglia

Nudi vengono al mondo
e nudi ritornano alla terra.
da cui sono stati plasmati …

Karol Wojtyla

Questo ciclo di incontri affronterà la comune e straordinaria dimensione corporea dell’esperienza umana.
Come le donne e gli uomini vedono, vivono, interpretano il proprio e l’altrui corpo?
Quali “sentimenti del corpo” attraversano la nostra realtà sociale in continua trasformazione?

dal 2008 ad oggi …